Desideri avere maggiori informazioni o prenotare la tua seduta?
Chiamaci o inviaci una mail!
Tel. 348 26 16 794
| email | email | email

 
Gli articoli   Scrivi a Marco Serravalle
 Gli articoli: I Cristalli e la Magia - Di Marco Serravalle
Marco Serravalle - Cristalloterapia delle vite passate
I cristalli sono uno strumento energetico molto potente e come tale hanno trovato applicazioni anche in magia. Questo mio intervento vuole esaminare questo aspetto partendo dal punto di vista del cristalloterapeuta. Chiedo quindi scusa in anticipo se dirò delle cose errate o imprecise sulla magia. D'altronde, rivolgendomi ad un pubblico che di magia se ne intende, mi piace proprio l'idea di trovare uno scambio ognuno a partire dalla sua esperienza specifica.

Cos'è la magia se non la capacità di ampliare e focalizzare dell' energia in modo tale da influire su noi stessi o sul mondo circostante. Il rito rappresenta lo strumento con cui si ottiene questo risultato attraverso l'uso di strumenti che consentano il realizzarsi di condizioni particolari e che inducano la manifestazione di un certo fenomeno.

Possiamo quindi dire che la cristalloterapia è uno strumento che mira a "rimuovere karma", così come la magia, se usata su noi stessi. Quando invece cerchiamo di operare su altri che magari non sanno nemmeno delle nostre intenzioni, rischiamo invece di generare nuovo karma, in quanto l'intervento che si compie ci rende responsabile di cambiamenti che se poi hanno ripercussioni negative vanno a formare del karma da affrontare in una vita futura.

Questi due diversi atteggiamenti possono essere chiariti meglio prendendo in considerazione un tipico caso in cui la magia viene utilizzata, e cioè l'amore. E' evidente dalle mie premesse che se sono innamorato di una ragazza e faccio un rito perché questa ragazza si innamori di me, compio un intervento che tende a modificare l'andamento naturale delle cose. Se il rito ha successo, questa ragazza si avvicinerà a me, cosa che non avrebbe fatto in assenza del rito. Per me questo rappresenta una forma di violenza anche se molto sottile, che limita la libertà di un altro essere. Ben diverso sarebbe invece usare la magia per portare più amore nella mia vita. Questo rito infatti tenderebbe a modificare prima di tutto me stesso e conseguentemente le reazioni della gente attorno a me, ma solo relativamente al fatto che adesso mi percepiscono in modo diverso. In questo caso quindi la magia è pienamente in sintonia con l'uso dei cristalli in cristalloterapia, mirando entrambi gli usi ad aiutare a crescere come persona.

Al di là di queste considerazioni ti tipo "etico" mi preme in questa sede affrontare alcuni aspetti relativi all'uso dei cristalli in magia.
Un primo aspetto e forse il più semplice da capire è sicuramente legato alla focalizzazione di energia che consente l'uso di un cristallo. In particolare cristalli tipo i quarzi laser consentono di focalizzare l'energia in una direzione ben precisa, e si prestano molto bene a essere usati come "bacchette magiche". Infatti, i laser devono essere usati con molta attenzione e non bisogna mai puntarli contro una persona perché possono provocare mal di testa o in generale conseguenze negative. Si può intuire quindi come siano potenti le energie focalizzate da questi quarzi particolari.
Quindi se noi dobbiamo focalizzare la nostra energia su qualcosa, possiamo utilizzare un laser come una bacchetta magica. Un'applicazione a me nota di questa tecnica e non legata alla magia, e il tracciare i simboli del Reiki con una punta di quarzo in mano. I simboli del Reiki vengono dati a chi frequenta il secondo livello Reiki e servono a potenziare l'effetto del Reiki stesso. Normalmente si tracciano con il palmo della mano che è la parte del corpo utilizzata per trasmettere l'energia Reiki. Se però si impugna una punta di quarzo e si tracciano i simboli con la punta come se si scrivesse nell'aria, i simboli sono "potenziati" e l'effetto è più forte che non tramite la tecnica convenzionale.

Un secondo aspetto molto importante è la programmazione di un cristallo a scopi magici. Molti cristalli possono infatti essere programmati, è cioè possibile infondere nel cristallo un certo scopo o un sentimento e fare si che il cristallo funga da amplificatore del sentimento o dello scopo. Il modo per potere fare questo è semplice dal punto di vista formale, ma richiede grande capacità di padroneggiare la propria mente. Bisogna entrare in uno stato meditativo, stabilire il contatto con il cristallo e poi "trasferire" al cristallo lo scopo o l'emozione che vogliamo programmare nel cristallo.
Molte persone che si occupano di cristalli e cristalloterapia trattano subito questo argomento, ma io penso che sia uno degli argomenti più avanzati. In un certo senso rappresenta il vero punto di unione tra magia e uso dei cristalli e poiché ho un enorme rispetto per la magia penso vada trattato solo quando ci si sente veramente pronti e capaci di operare su noi stessi.

Infine esiste un altro aspetto che è quello della divinazione. Per la divinazione si possono usare un'infinità di strumenti, chiaramente mi riferisco qui a quegli strumenti che hanno una relazione con le pietre. La prima è legata all'utilizzo di un set di pietre che con il loro diverso significato possano costituire uno strumento di divinazione. In questo caso, così come nei tarocchi, ad ogni pietra corrisponderà un significato e l'estrazione di un certo numero di pietre porterà ad una determinata interpretazione. E' evidente che quanto più il significato attribuito alla pietra si avvicina al tipo di energia proprio della pietra, quanto più sarà facile la divinazione per il veggente.

Uno strumento simile a quello appena descritto è dato dalle carte dei cristalli di Naisha Ashian, che comprende 50 pietre, 10 per ogni elemento (terra, fuoco, acqua, aria, tempesta). Nei miei corsi utilizzo questo set di carte a scopo didattico, ma esse hanno anche uno scopo divinatorio in cui il significato delle pietre è direttamente legato all'energia della pietra stessa. Si può quindi leggere la situazione di una persona attraverso l'estrazione di un certo numero di carte che, come per i tarocchi potranno a seconda della disposizione scelta e della posizione nella disposizione rappresentare aspetti diversi della lettura (presente, passato oppure amore, salute etc.).

Un altro aspetto interessante è l'uso di una pietra particolare per le rune celtiche. Infatti le rune possono essere incise su creta, ma recentemente sono state realizzate da Kore, un' esperta di rune, su quarzo (ametista) o su altre pietre. In questo caso la lettura delle rune non dipende dal materiale con cui sono fatte, ma il materiale stesso influisce a livello energetico con il veggente. Infatti nel processo di centratura e vuoto interiore necessario alla lettura, la pietra contribuisce portando la sua energia particolare. Il veggente viene quindi aiutato dall'energia della pietra a raggiungere lo stato ideale per la lettura.

E' quindi importante in questo caso che il veggente senta quale pietra può maggiormente aiutarlo a sviluppare questa condizione ottimale di "lettura". Abbiamo quindi di fronte in questo caso l'interazione tra due tecniche diverse a due livelli diversi. Da un lato la conoscenza e la capacità di leggere le rune, dall'altro l'utilizzo di una pietra o cristallo per potenziare le proprie capacità intuitive.

Questi sono solo alcuni pensieri che spero abbiano un riscontro in chi occupandosi di magia ha già fatto esperienza con l'uso di cristalli. Spero quindi di ricevere reazioni, commenti e critiche che mi aiutino a continuare questo cammino.

Marco Serravalle